SUPERFLUO. atto secondo

SUPERFLUO. atto secondo

ISCRIVITI QUI !

 

Laboratori di scrittura partecipata 

13 – 20 – 27 maggio h. 18 | piattaforma meet

di Maison Ventidue

in collaborazione con MUSPA – Museo Senza Pareti

Dopo l’azione provocativa Superfluo, il peso del vuoto dell’arte,  continuiamo a indagare il paradosso riguardo la negazione della realtà artistica e culturale degli ultimi tempi con #Superfluo. atto secondo : Laboratori di scrittura partecipata, riflettendo insieme sui feticci di libertà d’espressione al tempo del Covid-19. Qui la riflessione punta ad andare oltre, non soffermandosi sulla mera negazione o mutazione degli spazi dell’arte, piuttosto puntando a una vera e propria dichiarazione di esistenza.

#Superfluo. Atto secondo parte dagli Appunti per un Manifesto sullo stato dell’arte per trasformarli in bella copia, come statuto di uno spazio negato che chiede di essere vissuto.

Un percorso filologico, intellettuale, artistico, culturale composto da tre incontri in cui ognuno, Essere spettatore, Essere pubblico, Essere cittadino indagherà sui codici e le nuove regole dell’arte. 

I tre incontri online si articoleranno in tre momenti costituenti la redazione del Manifesto: primo, il lessico, per dotarsi di parole condivise al fine di descrivere al meglio stato dell’arte; secondo, le categorie entro cui l’arte deve essere presente, riflettendo sulla posizione, la funzione, il peso e lo spazio occupante; e terzo, la scrittura condivisa per immaginare il futuro dell’arte e divenire  interpreti di una nuova contemporaneità.

Continuamente mossi dal pensiero di Lea Vergine, leitmotiv del movimento #Superfluo.

“L’arte non è necessaria. E il vuoto che la sua assenza crea, non esiste. Ma è in queste negazioni che si cela la potenza, la costante presenza dell’assenza. Il vuoto può essere nulla o può essere tutto. Cosa ci vedi nel vuoto?”

La decisione di accendersi, puntando alla rinnovazione, pervadere gli spazi prima aperti, poi chiusi, poi ancora aperti, stimolando l’ON della cultura, l’ON degli spazi dell’arte.

comunicato stampa

Back to Top